Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Facebookyoutube 2

IL RACCONTO DELLA LUNA

L’idea alla base di questo racconto-favoletta, come spiega Tito Squillaci, ellenofono e curatore degli aspetti linguistici greco-calabri del Volume, è il dato di fatto che i piccoli giocano e imparano. Partendo dall’assunto che giocare è imparare, Nunziella Cocuzza si lancia in una meravigliosa avventura: trasmettere a bambini monolingue suoni e significati di una seconda lingua, senza dare l’idea che sta insegnando un altro idioma.
Essa utilizza gli stessi meccanismi che stanno alla base dell’apprendimento della lingua madre, e cioè l’associazione spontanea e graduale tra suoni e concetti (o rappresentazioni di una qualsiasi realtà).
 
Il metodo utilizzato dall’autrice ne Il Racconto della Luna e in varie esperienze didattiche, è rivolto a bambini e ragazzi a partire dalla scuola materna, e per i più piccoli non prevede lezioni o spiegazioni: il docente parla sempre in italiano, ma denomina alcuni oggetti o figure con termini della seconda lingua. Per esempio, nel caso del greco di Calabria, se in un racconto i protagonisti sono un lupo, una volpe e un asino, il lupo sarà il signor Liko, la volpe la signora Alupùda e l’asino il signor Gàdaro. In tal modo, senza alcuno sforzo, i bambini assoceranno al lupo il termine (suono) “liko”, che in greco significa per l’appunto lupo, e così via per le altre denominazioni.
 
Di volta in volta, in base all’età e al livello di conoscenza della seconda lingua dei bambini, è facile aggiungere nomi di altri animali o di oggetti, parti del corpo, saluti, convenevoli, ecc., ampliando, così, il lessico trasmesso.
In questo libro, edito da Rubbettino Editore per la Collana del Parco dei Greci di Calabria, al racconto per intero segue la parte didattica, con il testo suddiviso in brevi capitoletti corredati dagli approfondimenti ludici, che permettono l’acquisizione stabile dei termini proposti, da un piccolo sussidio che fornisce alcune basi grammaticali del greco-calabro e dal glossario.
 
Oltre alla narrazione, l’ulteriore modalità di utilizzo del racconto prevede la sua rappresentazione teatrale, nella quale vengono utilizzati nomi greci anche per mimare realtà come la pioggia (vre-chi/vre-chi/vre-chi…), il vento (vo-rè-e-e-a/vo-rè-e-e-a/vo-rè-e-e-a…) o il mare (thà-la-ssa/thà-la-ssa/thà-la-ssa…), pronunciati modulando opportunamente il tono della voce, in base alla realtà che si intende evocare.
 
 
 
Bingo sites http://gbetting.co.uk/bingo with sign up bonuses